home Gruppo Consiliare BARATTO AMMINISTRATIVO in commissione Bilancio del 22 Maggio, di Marina Aramini

BARATTO AMMINISTRATIVO in commissione Bilancio del 22 Maggio, di Marina Aramini

1071
0
CONDIVIDI

Questa amministrazione ha scritto un’altra pagina del faticoso libro: il baratto amministrativo sta diventando una realtà ed è sicuramente un ulteriore passo avanti rispetto al processo direi molto significativo, sulla partecipazione dei cittadini alla “cosa pubblica” e sull’amministrazione condivisa.

Per chi ha difficoltà a corrispondere il tributo della Tari ed è disponibile a prestare le sue capacità a favore della comunità è stato presentato dall’ Ass, Capirci il Regolamento sul baratto amministrativo. Sarà possibile, una volta approvato in Consiglio Comunale, presentare propri progetti o aderire a progetti predisposti dal Comune.

Perchè propro la Tari? A) interessa tutti i residenti B) l’ambito di applicazione del baratto è il “decoro urbano” e la prestazione fornita in baratto deve essere correlata all’ambito di applicazione del tributo. Gli uffici interessati saranno: decoro urbano, il verde pubblico e il welfare per l’individuazione dei cittadini che hanno la priorità rispetto ai criteri di selezione delle richieste, elencati nel regolamento.
Perchè il decoro urbano e il verde pubblico? Sono ambiti che hanno continuo bisogno di attenzione e di consentono una certa facilità di intervento
I proponenti saranno inseriti in squadre di lavoro del Comune al fine di avere sia gli strumenti di lavoro , un tutoraggio, la certificazione della prestazione (quantificata in 8 € l’ora) e la copertura assicurativa che pertanto non sarà a carico del proponente .

Ci siamo ispirati alle numerose esperienze disseminate nel territorio nazionale col determinante contributo degli esperti del movimento LBC che hanno promosso l’iniziativa. Si attuerà un periodo di prova del progetto anche al fine di inserire miglioramenti. E’ un buon punto di partenza. Un domani si potrà estendere la proposta per altri tributi e trovare l’attività o l’ambito corrispondente da proporre.
Ad oggi cmq, sono in bilancio già 180.000 € per l’esenzione dalla TARI per i cittadini che versano in stato di necessità in più ci saranno risorse che si stanzieranno ad hoc sul baratto nel bilancio 2019. Staremo a vedere come andrà sia la partecipazione che la gestione di questa interessante iniziativa.

Marina Aramini, consigliere Lbc