home Gruppo Consiliare Bilancio: scuole, servizi sociali. Ernesto Coletta (LBC): “Le persone rimesse al centro...

Bilancio: scuole, servizi sociali. Ernesto Coletta (LBC): “Le persone rimesse al centro dell’azione amministrativa. La città non è più solo di pochi, ma della comunità” Il presidente della commissione propone un regolamento per gli emendamenti

197
0
CONDIVIDI

Più di cinque milioni di euro sono stati stanziati per la manutenzione delle scuole di competenza del Comune di Latina. È il risultato del bilancio di previsione approvato la scorsa notte dal consiglio comunale. Per la precisione, 5.584.414 così ripartiti: 1.145.610 euro per la scuola Prampolini; 912.888 euro per la scuola Mazzini; 1.141.900 euro per la Giuliano; 1.144.727 euro per la scuola Corradini; 891.539 saranno spesi nella Vito Fabiano e 347.750 euro sono stati stanziati per la manutenzione ordinaria degli edifici scolastici sul territorio comunale. Un altro milione di euro sarà inoltre speso per la riqualificazione dei locali di Via Varsavia, che oggi ospitano oltre agli uffici comunali, anche il Cpia, il centro per l’istruzione per adulti.

“Il bilancio approvato ieri è frutto di un grandissimo lavoro che è stato effettuato dall’amministrazione comunale in collaborazione con gli uffici. Oltre alle somme già previste, sono stati presentati una quarantina di emendamenti tra maggioranza e opposizione ed alla fine sono stati tirati fuori anche 530mila euro in più” – ha commentato Ernesto Coletta, presidente della commissione Bilancio. “Questo bilancio è però anche un chiaro segnale di cambiamento per la città. Quando ci siamo insediati, abbiamo trovato una città disastrata: la situazione in cui versano le strade, le scuole, il teatro, il palazzetto dello sport sono il frutto di anni di mancata manutenzione, di abbandono. Abbiamo dovuto rimettere mano a tutto, rivoluzionare i conti e le priorità stesse del Comune di Latina: prima esisteva soltanto l’edilizia, oggi esistono anche i cittadini e i servizi per la comunità. Non voglio usare la retorica, ma quando diciamo che è cambiato il libro è vero: anche prima di noi esistevano questi soldi, ma venivano dirottati soltanto su un settore economico, il resto della città non contava nulla ed ancora oggi ne paghiamo lo scotto. Il bilancio approvato la scorsa notte dà invece una svolta al settore delle manutenzioni, che se non si fanno in maniera ordinaria ma straordinaria, si spendono molti più soldi e tempo. Per restare sul tema della scuola, si guardi ad esempio il grande lavoro che si sta facendo per la manutenzione o addirittura la sostituzione delle caldaie: solo in questo bilancio ci sono 800mila euro. Da più parti è stato anche riconosciuto ed encomiato il lavoro fatto dall’assessorato ai Servizi sociali: sono finalmente diventati un settore virtuoso. È in queste cose che vedo il cambiamento, quando dico che questa amministrazione ha rimesso al centro le persone e la comunità”.

Ernesto Coletta annuncia anche una proposta per snellire, in futuro, il lavoro della commissione Bilancio, spesso sovraccarica in prossimità delle scadenze, ma soprattutto per ovviare al problema degli emendamenti che devono essere ritirati per la mancanza del parere da parte dei revisori dei conti, evitando così sprechi di tempo e risorse. “Per quanto riguarda gli emendamenti al bilancio che richiedono un passaggio in commissione, è mia intenzione chiedere l’aggiornamento del regolamento comunale per farli arrivare in commissione già provvisti del parere dei contabili. La maggior parte di essi vengono infatti portati in sede di commissione senza parere, per poi scoprire solo successivamente che non possono essere attuati per la mancanza di copertura finanziaria”.

Latina Bene Comune – Gruppo Consiliare