home News LBC Presidio territoriale LBC di Latina Scalo, il punto con referente ed amministratori...

Presidio territoriale LBC di Latina Scalo, il punto con referente ed amministratori comunali

392
0
CONDIVIDI

Curiosità, richieste di chiarimento, domande di ogni genere sono state poste dai cittadini di Latina Scalo intervenuti all’incontro con LBC di venerdì scorso.

Il 7 giugno nei locali dell’ex Enal si è svolto infatti il terzo degli appuntamenti con i presidi territoriali di Latina Bene Comune. Diverse le testimonianze: sull’attuazione del controllo del vicinato ha parlato il signor Paolo Casciero, coordinatore di un gruppo già presente a Latina Scalo; Massimo Ferrari – presidente dell’associazione culturale Stefania Ferrari – si è invece soffermato sui patti di collaborazione, uno dei quali è stato stipulato proprio con l’associazione.

Presenti all’appuntamento anche alcuni consiglieri comunali, che hanno spiegato quali sono gli interventi in itinere per il quartiere: Emanuele Di Russo ha parlato delle modalità con le quali l’amministrazione ha intenzione di coinvolgere i cittadini di Latina Scalo nelle scelte politico-amministrative; Marco Capuccio ha riassunto invece quanto già è stato fatto dal Comune: il bando per l’affidamento in gestione del parco Faustinella, prossimo quindi alla sistemazione ed una riapertura di tutto rispetto; la conclusione dei lavori al centro minori; la fase progettuale per l’installazione dei dissuasori a scomparsa in Piazza San Giuseppe nei giorni di festa e di mercato; il programma di valorizzazione culturale dell’ex cinema Enal in atto tra alcune associazioni di Latina Scalo e il Comune. Toccati anche due temi cari ai cittadini di Latina Scalo: l’illuminazione pubblica in Via del Murillo e in Via delle Industrie, con il ripristino dei pali della luce (a led) nelle due strade; la prossima ordinanza per vietare il traffico pesante nel centro di Latina Scalo; Fabio D’Achille ha parlato degli atti di vandalismo che hanno interessato tutta Latina, oltre che dei furti verificatisi a danno della biblioteca e delle scuole (e dei lavori necessari in tal senso), sottolineando quanto sia importante la testimonianza di arti di cura e di amore per il proprio territorio per arginare questi fenomeni.

I consiglieri hanno anche risposto alle domande, improntate maggiormente sul decoro urbano e sulle varie problematiche urbanistiche presenti in diverse parti del territorio di Latina Scalo, come il taglio dell’erba e la situazione storica di Via del Mirto, alle quali hanno risposto il capogruppo LBC Dario Bellini e l’assessore Franco Castaldo. L’assessore Emilio Ranieri, impossibilitato ad esserci, ha invece dato appuntamento ai cittadini di Latina Scalo per venerdì 14 giugno alle 15:00 presso l’assessorato.

Referente per il presidio territoriale di Latina Scalo è Massimo Ferrari, che è anche coordinatore del progetto dei presidi territoriali per LBC: “Come cittadino di Latina Scalo – ha detto – ne conosco bene i problemi, alcuni di vecchia data e altri recenti. Su molti di questi sono state date risposte chiare e definite, per altre abbiamo dato indicazioni su quello che stiamo facendo e su quello che dovrà essere il punto di arrivo. Finalmente è stato pubblicato il bando per la gestione del Parco Faustinella, mi auguro che tutto vada a buon fine e che il parco diventi un centro di aggregazione e di sviluppo socio culturale per tutta la comunità di Latina Scalo. Questo è stato il primo incontro ma ne faremo di altri, per noi ascolto e condivisione sono alla base del modo di fare politica, maggiormente nei borghi e nelle periferie dove queste esigenze sono più sentite”.

“Questi incontri sono importanti – ha detto Floriana Coletta, componente del consiglio generale di LBC – perché il movimento si fa carico di alcune esigenze ed istanze dei cittadini, ascoltandoli e aiutandoli nella risoluzione di alcune delle problematiche che segnalano. Alcuni cittadini sono stati critici, ma hanno ascoltato con attenzione e capito alcune cose come funzionano e soprattutto hanno ringraziato consiglieri e movimento per essere lì a confrontarsi. L’incontro è terminato dopo le 21, segno tangibile dell’interesse e della voglia di confronto. Ci siamo dati un altro appuntamento per fare ancora una volta il punto della situazione”.