home News Campagna e Coletta: “Bisogna uscire dai vecchi paradigmi di assegnazione degli spazi”

Campagna e Coletta: “Bisogna uscire dai vecchi paradigmi di assegnazione degli spazi”

83
0
CONDIVIDI

“Fratelli d’Italia conferma la sua volontà di voler essere exclave di questa consiliatura: un rifiuto categorico di collaborare per il bene comune della città ed un tentativo, reticente e dannoso, di attaccare la maggioranza programmatica su tutti i progetti. Anche quelli più virtuosi, come nel caso della casa cantoniera di borgo Sabotino, dove si è sviluppato un percorso di partecipazione dal basso, trasparente e reale”. Così Valeria Campagna e Floriana Coletta, Consigliere di Latina Bene Comune, in una nota.

Aggiungono: “Definire la casa cantoniera di borgo Sabotino come territorio di LBC è irrispettoso nei confronti dei liberi cittadini e delle libere cittadine che hanno siglato, con il Comune, un complesso patto di collaborazione. Uno dei pochi presenti in Italia. La casa cantoniera è di tutte e tutti, e l’affiliazione partitica nulla c’entra. Le richieste di concessione, tra l’altro, vengono ricevute e gestite dai co-gestori della struttura: non dal Comune, tantomeno da Latina Bene Comune”.

“Ci appare chiaro – affondano Campagna e Coletta – che Chiarato sia legato a sistemi di assegnazione degli spazi pubblici ormai antiquati. La rivoluzione dell’amministrazione condivisa è un fatto culturale che prevede, in quanto tale, un cambio di paradigma nella politica di assegnazione degli spazi. I quali sono fruibili, attraverso procedure trasparenti ed inclusive, da qualunque cittadino e da qualunque associazione”.

In conclusione: “È importante perseguire la strada tracciata. Con i progetti sul PNRR ed i fondi stanziati nel bilancio, tutte le case di quartiere saranno ammodernate e predisposte all’uso della collettività. Parallelamente verrà rinforzata la parte informativa per la richiesta di concessione degli spazi in questione: da una parte con un’apposita sezione sul sito del Comune, dall’altra con l’affissione di cartellonistica informativa nelle aree adiacenti alle case. In questo modo verranno evidenziati, puntualmente, i passaggi necessari alla richiesta di concessione degli spazi”.