home News LBC: “Un sondaggio di 12 votanti per fare propaganda: ennesima irresponsabilità della...

LBC: “Un sondaggio di 12 votanti per fare propaganda: ennesima irresponsabilità della minoranza”

132
0
CONDIVIDI

“In queste ore le forze politiche della minoranza stanno proponendo una narrazione propagandistica secondo cui Latina sarebbe, nella percezione dei cittadini, una città poco sicura. Su cosa nasce questa ricostruzione? Su un questionario online al quale hanno partecipato, tenetevi forte, 12 persone. Un dato che si basa – si legge in seno al questionario – sulle risposte che i visitatori del sito hanno fornito negli ultimi tre anni”. Il dato è rinvenibile alla voce ‘contributori’ del seguente link: https://it.numbeo.com/criminalit%C3%A0/citt%C3%A0/Latina#my-menu).

Lo riferisce, in una nota, Latina Bene Comune. “12 persone a fronte delle circa 126.000 – aggiungono – che compongono la popolazione di Latina. Questo dovrebbe conferire uno spaccato attendibile? Le forze politiche di minoranza (Fratelli d’Italia, Lega e Latina nel Cuore) prendono in giro la città, e lo fanno consapevolmente, sacrificandola sull’altare della propaganda. Dobbiamo forse pensare che nel rifarsi a questi dati non abbiano notato la voce contributori? Difficile crederlo. Più facile pensare, piuttosto, che il tutto sia stato montato ad hoc. È una grave irresponsabilità, l’ennesima”.

“Questo passaggio delicato che stiamo vivendo sta mettendo in luce una differenza insormontabile nelle modalità di fare politica: da una parte l’etica, dall’altra l’irresponsabilità. Mentre le forze politiche a noi contrapposte continuano a raccontare fake news noi restiamo, con la coscienza pulita, in attesa che la giustizia faccia il proprio corso. Nel rispetto del lavoro che stanno svolgendo gli organi di giustizia, la prefettura e le forze dell’ordine. Latina – concludono – è una città incredibilmente cresciuta negli ultimi anni che per due volte ha preferito, ai vecchi volti della politica, il cambiamento della rivoluzione della normalità. Siamo pronti a difendere tutto questo”.

Valeria Campagna
Floriana Coletta
Elettra Ortu La Barbera
Gianmarco Proietti
Emilio Ranieri