home Senza categoria SERVIZI SOCIALI E WELFARE, LBC: CENTRI DIURNI A NORMA E UN TAVOLO...

SERVIZI SOCIALI E WELFARE, LBC: CENTRI DIURNI A NORMA E UN TAVOLO MULTI ISTITUZIONALE PER IL DISAGIO GIOVANILE

189
0
CONDIVIDI
Il Comune di Latina (foto: Studio 93)

Nessuno sarà lasciato indietro. L’azione politica di Lbc è da sempre concentrata sulle persone, portate al centro della vita amministrativa della città. “Lo abbiamo fatto sotto molti punti di vista e proseguiremo ancora su questo cammino, come ha sottolineato il nostro candidato sindaco Damiano Coletta in un incontro con il centro anziani Vittorio Veneto- spiega il movimento – Una delle priorità della prossima amministrazione sarà il potenziamento della medicina del territorio e dell’integrazione socio- sanitaria, lungo un percorso già tracciato anche di concerto con la Asl. Un’attenzione particolare sarà riservata alle politiche dell’invecchiamento attivo, al ruolo dei centri sociali e a quello dei centri diurni, alla prevenzione del disagio giovanile”.

Proprio sotto questo aspetto c’è un’importante novità: la riconsegna dei primi centri diurni dopo i lavori di manutenzione straordinaria avviati dal Comune  tra il 2020 e il 2021. Si tratta del centro per disabili Minenna di via Mugilla e del centro minori di via Legnano, per i quali gli interventi si sono ufficialmente conclusi. “Una delle novità sperimentate nelle precedenti amministrazioni è stata quella della co-progettazione nell’ambito dei servizi sociali – spiega Stefania Krilic, ex funzionaria capo dell’unità operativa complessa Servizi sociali e candidata alle prossime elezioni nella lista Lbc – Per la prima volta da quando sono nati, oltre 20 anni fa, i centri diurni semiresidenziali della città sono stati messi a norma i requisiti stabiliti dalla Legge regionale 41 del 2003. Abbiamo ora i frutti di questo processo che andava messo in atto sulla base di una legge a cui non si era mai dato seguito. Nel 2020 prendemmo questa decisione forte di mettere le mani su questo aspetto e oggi il Comune può garantire alle cooperative sociali Osa e Ninfea, gestori dei centri diurni, l’utilizzo di tali strutture finalmente con i requisiti strutturali e di funzionamento a norma di legge”.

“Nel programma di governo un’attenzione particolare in tema di Welfare sarà destinata alla prevenzione e al contrasto del disagio giovanile – aggiunge la candidata di Lbc Floriana Coletta, ex consigliera comunale e componente della commissione – Non si tratta solo di risolvere i problemi individuali, ma di creare una cultura della prevenzione. Siamo convinti che la salute mentale sia un obiettivo primario e speriamo di poter contribuire a creare una comunità più consapevole anche attraverso l’istituzione della figura dello psicologo di base, sulla quale avevamo iniziato a lavorare nella passata amministrazione. Una delle risposte rapide al problema risiede nell’istituzione di un tavolo multi-istituzionale integrato di confronto, per l’analisi, la progettazione e l’intervento di prevenzione, per azioni di riqualificazione emotiva, sociale e culturale”.