home News Amministrazione INTERROGAZIONE SUL DISABILITY MANAGER

INTERROGAZIONE SUL DISABILITY MANAGER

118
0
CONDIVIDI

Un’interrogazione a risposta immediata è stata presentata dal gruppo consiliare di Lbc al presidente del Consiglio comunale Raimondo Tiero e alla sindaca Matilde Celentano sulla figura del Disability manager. Nell’interrogazione i consiglieri comunali Dario Bellini, Damiano Coletta, Floriana Coletta e Loretta Isotton riaccendono l’attenzione su questa importante figura all’interno dell’amministrazione comunale e pongono alcuni specifici quesiti relativi alla selezione, ai tempi, alle responsabilità e alle funzioni assegnate e alle azioni concrete che saranno intraprese per coinvolgere le persone con disabilità.

A introdurre la figura del Disability manager era stata una mozione presentata a marzo del 2017 dall’allora consigliera Matilde Eleonora Celentano e dai consiglieri Nicola Calandrini e Andrea Marchiella, approvata all’unanimità dall’assise. Nel 2018 la giunta comunale guidata dall’allora sindaco Damiano Coletta aveva poi approvato le linee di indirizzo per la realizzazione del Peba- Piano per l’eliminazione delle barriere architettoniche, che garantisce un’adeguata accessibilità delle strutture e delle aree di uso pubblico favorendo una migliore integrazione sociale e un più alto livello di qualità della vita per tutti i cittadini.

“Ricordiamo che la giunta comunale Coletta, il 7 luglio 2022, ha approvato l’istituzione della figura del Disability manager e ha dato mandato al dirigente del servizio Relazioni istituzionali di procedere alla costituzione dell’apposito ufficio e all’individuazione del soggetto al quale conferire l’incarico – spiegano i consiglieri – Ricordiamo anche che nelle linee programmatiche di mandato della sindaca Celentano si parla chiaramente di una ‘città con al centro la persona’ e si fa riferimento espressamente a politiche di inclusione e alla necessità di rendere operativo il disability manager e di attuare il Piano di eliminazione delle barriere architettoniche. Riteniamo – aggiunge il gruppo consiliare di Lbc – che questa figura rivesta un ruolo cruciale nelle sue funzioni di raccordo e coordinamento, al fine di garantire l’inclusione e l’accessibilità delle persone con disabilità all’interno delle politiche e delle pratiche dell’amministrazione. Dunque l’implementazione tempestiva del manager è essenziale, anche per scongiurare altre situazioni come quella che si è verificata nei mesi corsi durante la premiazione della sportiva e sportivo dell’anno, in cui gli atleti in carrozzina non sono riusciti a salire sul palco del teatro D’Annunzio”.