home News LBC Sanità territoriale: l’incontro con l’assessore regionale Alessio D’Amato

Sanità territoriale: l’incontro con l’assessore regionale Alessio D’Amato

139
0
CONDIVIDI

Oggi si è tenuto al circolo cittadino “Sante Palumbo” di Piazza del Popolo un incontro sul tema sulla sanità territoriale. Presenti il sindaco Damiano Coletta, candidato sindaco per il secondo mandato, e l’assessore regionale alla Sanità Alessio D’Amato. Nel corso dell’incontro sono intervenuti anche tutti gli operatori della sanità candidati nelle quattro liste, per esprimere la loro idea di sanità territoriale e di rete integrata.
È stato un incontro denso di contenuti e importante per il territorio di Latina, perché è stato possibile approfondire quanto è stato fatto nei cinque anni di amministrazione LBC con Coletta sindaco e di quelli che sono gli obiettivi futuri. E sono obiettivi ambiziosi, perché si tratta di realizzare una sanità di prossimità, in cui le prestazioni sanitarie si integrino con gli interventi di carattere sociale, realizzando quindi un modello assistenziale tagliato sui bisogni espressi dal cittadino, in particolare garantendo le donne e le persone fragili (anziani, bambini, famiglie in difficoltà).
L’amministrazione Coletta ha già lavorato in questo senso nei cinque anni passati: in collaborazione con i servizi della ASL, ha messo in opera politiche di welfare che puntano proprio a realizzare un modello di presa in carico globale della persona: non semplice assistenzialismo dunque, ma interventi che – partendo dall’analisi dei bisogni espressi – mirano alla inclusione del cittadino attraverso percorsi individuali di valorizzazione.

La necessità di potenziare la sanità territoriale è emersa in tutta la sua drammaticità durante la pandemia da COVID 19. I maggiori ospedali, infatti, compreso il Santa Maria Goretti, sono stati riconvertiti a ospedali COVID. La riconversione ha riguardato i reparti, i servizi ospedalieri e il personale medico e infermieristico, causando una estrema difficoltà nel garantire le cure ai pazienti colpiti da altre patologie. Ritardi nella diagnosi e nella prestazione delle cure hanno interessato sia i pazienti affetti da patologie croniche (diabete mellito, BPCO, scompenso cardiaco…) sia i pazienti colpiti da patologie a rischio di vita, come le patologie onco-ematologiche e le patologie cardio e cerebrovascolari afferenti alle reti tempo-dipendenti (infarto acuto del miocardio e ictus). Le strutture sanitarie territoriali si sono trovate in difficoltà nel gestire le patologie croniche senza il supporto ospedaliero e si sono rivelate inadeguate a prendere in carico rapidamente i pazienti dopo la gestione ospedaliera della fase acuta. Questi aspetti emersi durante la pandemia sono stati recepiti nel PNRR, che dedica finanziamenti rilevanti al potenziamento dell’assistenza territoriale attraverso la creazione di strutture e presidi territoriali come le Case della Comunità e gli Ospedali di Comunità, rafforzando l’assistenza domiciliare e garantendo una più efficace integrazione con tutti i servizi socio-sanitari. Regione Lazio, ASL di Latina, Comune di Latina, lavorano alla definizione di un nuovo modello di erogazione delle cure, volto alla realizzazione di una rete ospedale-territorio efficace, che pone al centro i bisogni della Persona.
La rete con i suoi snodi (ospedale-casa della comunità-ospedale di comunità-assistenza domiciliare) si avvale di un modello multidisciplinare in cui l’integrazione tra le figure professionali garantisce la precoce presa in carico dei pazienti e una migliore appropriatezza delle cure, limitando gli accessi ospedalieri alla sola fase acuta. La telemedicina, già utilizzata per la rete dell’infarto e durante la pandemia, se potenziata può essere uno strumento fondamentale di gestione integrata.

___

I candidati LBC del settore sanitario (ordine alfabetico)

Ugo Catenacci – Fino allo scorso luglio segretario provinciale della Cisl Medici e fino al 2018 medico di pronto soccorso del Santa Maria Goretti, oggi responsabile del reparto di Medicina presso la Clinica San Marco di Latina e libero professionista. Candidato nella lista LBC per Damiano Coletta sindaco.

 

Floriana Coletta – Psichiatra e psicoterapeuta, lavora all’ospedale Goretti di Latina. Autrice di pubblicazioni scientifiche su riviste specializzate; coordina incontri con studenti e corsi di formazione con insegnanti dedicati ai temi dell’adolescenza, educazione all’affettività, comportamenti a rischio e prevenzione dei disagi giovanili. Dal 2016 è stata tra gli organizzatori della manifestazione culturale “Lievito”, in particolare la sezione Bimbi. Dal 2015 attivista di Latina Bene Comune, di cui è membro del consiglio generale dal 2018 e di cui dal 2021 è responsabile della comunicazione; oggi candidata in lista. Intende impegnarsi in ambito sociale, culturale ed ambientale e proseguire l’attività di ascolto e partecipazione che ha iniziato con i cittadini e con i comitati territoriali dei Borghi per il miglioramento della qualità della vita.

Patrizia Cristofalo – Infermiera del Goretti. Collabora attivamente per missioni umanitarie di volontariato in Kenya Huruma Medical Team. Sostiene la Misheni na Ukarimu, che si interessa di fare studiare bimbi e assicura loro due pasti al giorno, grazie anche alla solidarietà di molti cittadini italiani. Con il marito ha adottato un bimbo a distanza un bimbo. Appassionata di pittura e canto, propone la valorizzazione dell’arte in ogni sua espressione.

Carlo De Masi – Dirigente medico di Radiologia senologica al Goretti di Latina. L’impegno politico (dagli anni 70-80) si è caratterizzato nel condividere i valori del socialismo con attenzione alle istanze del mondo cattolico. In età giovanile ha partecipato attivamente all’attività dei gruppi socio culturali di Latina presso il Centro Polivalente di Via Menotti per la promozione e l’animazione culturale rivolta soprattutto alle periferie della città.
Con l’inizio della vita professionale l’interesse politico – sindacale si è rivolto alla difesa e tutela del SSN italiano, fiore all’occhiello della sanità mondiale, per una sanità pubblica universalistica e solidale, a misura d’uomo.

Paolo Fabietti – Infettivologo e dirigente medico nel reparto di Malattie infettive del Goretti di Latina. Fino al 2012 docente di Malattie infettive nel corso integrato di Medicina Interna nel corso di laurea in Tecniche ortopediche presso la Facoltà di Medicina e chirurgia dell’università La Sapienza di Roma – polo pontino. Fin dalla giovinezza è attivo nel movimento dei Focolari. È padre di 7 figli. Oggi candidato con LBC.

Loretta Angelina Isotton – Ginecologa libera professionista. Eletta in consiglio comunale nel 2016 e dal 2020 presidente della commissione Ambiente. Vice presidente della commissione Cultura, scuola e sport. Delegata del sindaco Damiano Coletta per il decoro urbano e la vivibilità degli spazi pubblici, ha lavorato assiduamente per: l’utilizzo di prodotti biologici e a km zero nelle mense comunali; le politiche di forestazione urbana; elaborazione del regolamento degli orti urbani; la realizzazione del progetto di riqualificazione del Parco San Marco; il progetto Umuganda-Cantieri di Pace, con la riqualificazione di aree pubbliche e parchi giochi; l’istituzione del parco naturale urbano delle Acque Medie.

Gabriella Monteforte – Medico d’urgenza del Santa Maria Goretti, è attiva in LBC dal 2016. Nel movimento ricopre l’incarico di coordinatrice del consiglio generale. Consigliera comunale dal giugno 2020, oggi è nuovamente candidata con Latina Bene Comune per Damiano Coletta sindaco. I suoi valori fondamentali sono l’attenzione ai più fragili, l’inclusione, la fiducia e l’impegno nel Pubblico. Tra i principali obiettivi realizzati dall’amministrazione individua proprio la costituzione di ABC, azienda speciale per i beni comuni. Si candida per dare il proprio contributo attivo al cambiamento e proporre nuovi progetti: ad esempio, nuovi spazi di aggregazione in Q4-Q5 e il miglioramento dell’Oasi Verde Susetta Guerrini.

Elettra Ortu La Barbera – Capolista LBC. Ematologa del Santa Maria Goretti, dove si occupa di neoplasie del sangue. “In LBC dal 2016 – dice – ho abbracciato il civismo con passione perché mi dà la possibilità di fare qualcosa per la città e per la comunità, e di farlo insieme ad una squadra fortissima”. Segretaria LBC da dicembre 2020. Tra le tematiche che più le stanno a cuore, la parità di genere e le pari opportunità. In LBC ha portato avanti la proposta dell’attuazione del bilancio di genere, poi approvata in consiglio comunale, e quella dell’abolizione della Tampon Tax da parte delle farmacie comunali. Ritiene che la sanità sia un diritto sociale, equo e sostenibile; la persona deve essere al centro di una città sana e sostenibile, equa e innovativa dove la pluralità rappresenti una opportunità per il bene comune.

Romina Perez – Si occupa della gestione delle segreterie di alcuni studi medici ed ha una associazione di volontariato con l’obbiettivo della tutela dei pazienti affetti da malattie rare. “Chi mi conosce – afferma – sa che da molti anni combatto in prima linea numerose battaglie per la salute e la legalità della nostra città. Oggi mi mi candido con Damiano Coletta per mettere sul campo la mia esperienza e dare il mio contributo al processo di cambiamento di questa città cercando di lavorare sullo sviluppo economico e culturale nel territorio periferico e popolare di una
Latina che tutti meritiamo di vivere”.

Maurizio Vargiu – Infermiere del Santa Maria Goretti presso la Uos di elettrostimolazione ed elettrofisiologia. Tra il 2010 e il 2016 presidente del collegio provinciale Ipasvi. Oggi candidato nella lista di Latina Bene Comune per Damiano Coletta sindaco.